Abito da sposa in pizzo: vecchio stile o sempre moderno? E' una scelta out o un ever green sempre di classe per le spose moderne? Vi sveliamo le tendenze!



img

Abito da sposa in pizzo: vecchio stile o sempre moderno?

L'abito da sposa in pizzo è troppo romantico e retrò per la sposa di oggi? Alla donna del 2015 calzano meglio abiti più decisi e meno trasognanti? L'abito da sposa in pizzo è un clichè ormai superato? Vi sveliamo le tendenze della moda per la sposa di oggi e rispondiamo a queste domande.

Gli abiti delle migliori collezioni per le spose di questo 2015 non hanno lasciato ampio respiro a una varietà di tessuti che non contemplassero il pizzo - seppur presentando doverosamente modelli in stoffe per ogni possibile preferenza; oltretutto, negli atelier la rappresentanza di un abito da sposa in pizzo viene presentata obbligatoriamente alle clienti che compiono il primo giro di prova per scgliere il vestito per il giorno più bello.

L'abito da sposa in pizzo è un classico. Vi sveliamo subito il nostro pensiero e la nostra posizione a riguardo: il pizzo non è vecchio stile ma sinonimo di ricercatezza e gusto, e vi argomentiamo anche il perchè.

L'abito da sposa in pizzo ha attraversato decenni  di mutamenti della moda ma è rimasto indenne alle critiche, è stato utilizzato da dive e icone di grazia, stile, signorilità che lo hanno prediletto nel momento del sì. Grandi personalità femminili sono accomunate dalla scelta del pizzo per il loro abito, ieri come oggi, a prova inconfutabile che il pizzo è un tessuto sempre vintage ma mai vecchio, vi riportiamo esempi clamorosi.

Dal lontano 18 aprile 1956, quando la bellissima e mitologica Grace Kelly - la donna di ghiaccio bollente, come usava chiamarla il regista Hitchcock che l'adorava - icona di eleganza, esempio da emulare per compostezza, regalità innata al punto da far innamorare il principe Ranieri e diventare la sua sposa, facendo sognare il mondo con le sue nozze da favola e salendo al trono del Principato di Monaco, fino ai tempi moderni, di preciso il 29 aprile 2011, quando un'altra ragazza borghese, Kate Middleton - anche lei eletta simbolo di gusto dalle più famose blogger e stylist che dettano le tendenze - sposa il futuro re di Inghilterra con un matrimonio che tanto somiglia per stile a quello dell'indimenticata Grace. Entrambe, infatti, hanno scelto un abito che fosse chic ma classico, regale, imperiale, austero, sontuoso ma non pomposo, particolare ma non sfacciato, entrambe hanno preferito il modello romantico: quindi lungo e intero, con gonna ampia e corpetto stretto, abbastanza rigoroso per esaltare il ruolo che avevano ma altrettanto voluttuoso con maniche lunghe e spalle coperte tutte di pizzo.

E che dire, ancora, del matrimonio dell'anno?Quello tra Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi (nonchè nipote della mitica Grace), un'altra coppia nobile, moderna e raffinata. Belli, giovani, moderni, intraprendenti e con il bon ton nel sangue. Il loro matrimonio ha fatto discutere per gli innumerevoli cambi d'abito, e, per il rito religioso, Beatrice -modella, giornalista e ora anche immagine rappresentativa del gusto  - ha scelto proprio un abito da sposa in pizzo. Molto semplice, anch'esso lungo e intero, leggermente svasato. Anche l'angelica Beatrice indossava un modello con le maniche lunghe di pizzo chantilly e strati di chiffon di seta, accollato e senza trasparenze. Una raffinatezza inimitabile.

Potremmo nominare ancora diversi vip e reali che hanno optato per questo lussuoso tessuto ma quseti esempi di ricercatezza, classe, ed eleganza bastano per raggiungere lo scopo ultimo, e cioè dimostrare che un abito da sposa in pizzo non solo è al di sopra del panta rei modaiolo, ma, sopratutto, si connota come scelta di gran classe, amalgamando la sensualità del ricamo a effetto vedo/non vedo al decoro preteso dall'evento matrimonio.

Signore, il pizzo è tanto opulento quanto semplice, è tanto pregiato quanto accessibile. Certo il migliore è quello lavorato a mano che per tal motivo acquista un valore così alto che il costo è riservato a pochi, ma un formidabile abito da sposa in pizzo ad un prezzo ragionevole ma estremamente principesco si trova in tutti gli atelier.

Il pizzo è talmente gettonato che anche il pret à porter e la moda democratica, quella diffusa - come la chiamava il sociologo Morin - quest'anno l'hanno promosso. Pizzo negli abiti da sera e da cerimonia, in quelli da cocktail, anche nei ricami di camicie, addirittura felpe. Le collezioni dei marchi franchising hanno lanciato prepotentemente il pizzo - oltre alla pelle e alle frange - per l'autunno/inverno.

In definitiva, dopo attenta analisi, ma più che altro per gusto personale per il classico/ retrò che non è mai un clichè ma, anzi, si pone a vessillo di tradizione intramontabile, sempre adatto, sempre in voga e sempre distinto, vi rinnoviamo la convinzione che il pizzo è emblema della purezza di una sposa e accattivante come la donna che lo indossa.

L'abito da sposa in pizzo non è vecchio stile. E' stile.