Abito da sera lungo: come scegliere in base all'avento l'outfit più adatto ad un evento mondano o cerimonie, secondo le regole della moda e del buon gusto



img

Abito da sera lungo: come scegliere in base all'evento

La scelta dell'abito lungo da indossare in qualche occasione particolare pone ogni donna di fronte ad un dilemma amletico che potrebbe , facilmente, far cadere chiunque nel baratro del cattivo gusto. Prima di precipitarsi in una boutique e farsi prendere  dalla voglia di provare tutti gli abiti, in maniera convulsa, bisogna tenere presente degli accorgimenti fondamentali per fare la scelta giusta.L'abito lungo deve essere adatto all'occasione e soprattutto al proprio fisico, non bisogna farsi prendere dalla vena romantica che potrebbe spingere, ogni donna, a scegliere un abito da principessa, facendo cadere la scelta su un vestito  in stile 'meringa glassata'. Seguendo questi consigli  si riuscirà  a farsi notare per la  propria  capacità di essere impeccabile anche con un abito lungo. Se alla scelta dell'abito aggiungiamo anche la capacità di acquistare vestiti economici allora il binomio perfetto è compiuto.

Abito da sera lungo: l'occasione giusta

Se si viene invitati  ad  una cerimonia alle dieci del mattino, l'abito lungo è assolutamente vietato, mentre se  il matrimonio è celebrato nel pomeriggio, allora l'abito lungo da indossare deve essere adeguato alla situazione. Prima di tutto bisogna tenere in mente il fatto che non si deve, assolutamente, esagerare nelle scollature o negli spacchi, perché sì verrebbe notate non certo per l'eleganza ma per  il poco decoro con cui si è vestite.Durante il ricevimento bisogna evitare di indossare un abito che abbia qualsiasi nuance del bianco, ossia color crema color champagne, perché ciò rappresenterebbe un atteggiamento irrispettoso nei confronti della sposa, che è l'unica a  poter indossare un abito dalle nuance del bianco. Se si desidera indossare un abito chiaro allora  è concesso il colore rosa con le sue sfumature.

Abito da sera lungo: le maniche

Ogni donna possiede,  i propri punti di forza ed  i propri punti deboli. Quando si indossa un abito  da sera lungo una delle parti del corpo che viene messa in evidenza è quella delle braccia. Se la donna in questione ha delle braccia piuttosto abbondanti è consigliabile indossare un abito con una manica e non senza maniche. Anche una manica a tre quarti può andare benissimo per evitare di attirare l'attenzione su un proprio punto debole e bisognerebbe evitare le mezze maniche che si fermano  a metà braccia e le attozziscono. Ovviamente se si possiedono le braccia piuttosto imponenti è sempre meglio evitare quel tipo di tessuto elasticizzato che possa conferire l'effetto insaccato ed è consigliabile, invece, un tessuto morbido oppure acquistare un abito di una taglia più grande.

Abito da sera lungo: il tessuto

Nel momento in cui ogni donna entra in una boutique non deve lasciarsi colpire dall'abito più bello ma deve riuscire a capire quale sia l'abito da sera che le sta meglio. Per esempio il pizzo è molto femminile e non c'e' donna al mondo che non rimanga incantata davanti ad un abito , interamente, di pizzo, ma purtroppo questo tipo di tessuto non sta bene a tutte anzi forse sta bene a poche. Infatti quei tubini interamente di pizzo possono essere indossati solo da donne filiformi perché questo tipo di tessuto tende ad ingrassare una persona dalle curve sinuose. Il pizzo può ornare un bell' abito da sera lungo ed in questo caso può essere indossato da chiunque. Mentre un tessuto come il plissettato può essere indossato solo da chi è molto magra perché questo deve cadere in maniera lineare sul fisico. Nel caso in cui la donna che indossa l'abito da sera, abbia un fisico mediterraneo, il plissettato sottolinea le curve in maniera voluminosa. Un altro tessuto molto usato per gli abiti da sera è il raso, ma anche in questo caso, un trucco da usare è quello di prendere sempre il vestito della taglia più grande per evitare che il raso possa mettere in evidenza segni o rotolini.

Abito da sera lungo: il modello giusto

Per scegliere il modello giusto , per un abito da sera  lungo, bisogna sempre tener conto del proprio fisico e dei modelli che si adeguano meglio a diversi tipi di corporature. Un tipo di modello sartoriale, che si adegua a diversi tipi di fisic  è il cosidetto modello taglio impero. L'abito da sera lungo, con questo taglio sartoriale, mette in evidenza il punto vita per chi, magari, non ce l' ha oppure perché chi possiede un punto vita abbondante. Oltre a quest'effetto, il tagli  a  impero nasconde i fianchi larghi, mette in evidenza un seno piccolo ed anche un seno abbondante. In quest'ultimo caso bisogna scegliere la taglia giusta perché se no si rischia di avere un seno strizzato nell'abito che  può risultare veramente e poco elegante. Mentre il taglio sartoriale che richiede la vita stretta, sottolineata da una cintura,  è consigliato a chi ha un bel punto vita e quindi un fisico a clessidra. Tale consiglio è diretto a chi possiede una certa altezza perché nel momento in cui non si è molto alte si rischierebbe di apparire tozze. Un'alternativa all' abito da sera lungo stretto in vita, con cintura, può essere quello con un corpetto sagomato che mette in evidenza il punto vita e può andare bene anche per chi non è molto alta.

Abito da sera lungo: la scollatura

La scollatura in un abito da sera lungo è un punto focalizzante ed è per questo motivo che bisogna saper scegliere quella più adatta al proprio decolleté ed alla propria struttura fisica. Se si hanno delle spalle importanti bisogna evitare quel tipo di scollatura chiamata da 'nuotatore', che consiste nella posizionatura delle britteline in maniera ravvicinata, quasi  a formare  una 'U' ,perché,  in questo caso, vengono messe ancora più in evidenza le spalle. Mentre uno scollo all'americana, ossia quello con cui l'abito da sera lungo si lega al collo, può aiutare a slanciare la figura non facendo notare le spalle molto importanti. Lo scollo a cuore è quello più indicato per un abito da sera perché è il più discreto ed è il più elegante e può stare bene più o meno a tutte. Infine lo scollo a V,  che rappresenta un classico della moda può essere utilizzato da chi ha un seno abbondante anche se non bisogna mai esagerare. Ci sono alcuni scolli a V eccessivamente profondi, che possono mettere in evidenza, in maniera poco discreta, un seno piccolo oppure un seno troppo grande. La scollatura ideale è quella a V che si ferma, poco prima del reggiseno, e  risulta essere la più elegante e la più indicata ad un abito da sera lungo.